Il Lago di Vico e la sua Riserva Naturale

Il Lago di Vico si trova nell’Italia centrale in provincia di Viterbo. Esso con i suoi 507 metri sul livello del mare vanta il primato di altitudine tra i grandi laghi italiani.

Sul fondo di una conca ammantata di boschi, il lago di Vico è sicuramente uno dei più belli del Lazio. Per le sue peculiari caratteristiche naturali. Il comprensorio Vicano è incluso tra le aree di particolare valore naturalistico del Lazio e tra i biotopi di rilevante interesse naturalistico in Italia.

Con la sua superficie di circa 12 chilometri quadrati e un perimetro di 18,8 chilometri, il lago di Vico è il terzo lago del Lazio per grandezza. Anche se rispetto alla sua grandezza è poco profondo. Infatti, arriva ai 50m di profondità massima, mentre quella media si aggira appena intorno ai 20m .

Il Lago di Vico è facilmente raggiungibile percorrendo una strada che si arrampica sui Monti Cimini. Una volta arrivati ci attende uno spettacolo tanto improvviso quanto bellissimo. Il lago si stende davanti a noi come un immensa distesa azzurra immersa nel verde della natura. Si trova ai piedi del complesso montuoso dei Monti Cimini, in particolare è cinto dal monte Venere alto 852 m, e dal monte Fogliano di 965m. I monti che lo circondano svettano come giganti che si specchiano nelle sue acque limpide.

Credit immagine

L’origine del Lago di Vico

Secondo la leggenda ebbe origine dalla clava che Ercole conficcò nel terreno per sfidare gli abitanti del luogo; ma nessuno riuscì a rimuoverla. Quando Ercole la tolse, sgorgò un enorme getto d’acqua che andò a riempire la valle formando così il lago.

In realtà il lago di Vico è di origine vulcanica. Esso si è formato circa 100 mila anni fa in seguito al riempimento del cratere di un vulcano. La sua forma tondeggiante e regolare ne testimonia l’origine.

La Riserva Naturale del Lago di Vico

Il lago di Vico è una Riserva Naturale ed area protetta sin dal 1982. Per questo sono pochissime le abitazioni che si affacciano sul lago. Esiste solo una piccola zona residenziale che è stata realizzata negli anni ’60-’70 che ricade nel Comune di Ronciglione. La Riserva Naturale si estende per 4109 ettari, comprende il bacino del lago con la sua forma a ferro di cavallo e i monti che lo circondano. Circa 1000 ettari sono costituiti da boschi, in gran parte d’alto fusto. Altrettanti sono occupati dal lago e dalle paludi circostanti. Gli ettari rimanenti ospitano colture agricole, soprattutto nocciole, che costituiscono una delle principali risorse economiche di questo territorio.

Credit immagine

L’area riveste un elevato interesse geologico: il passato tumultuoso che ha portato alla formazione del territorio ha lasciato all’interno delle rocce dei minerali e dei cristalli dalle innumerevoli sfumature di colore.

La flora

E’ un’oasi naturalistica da visitare per godere del piacere del silenzio e degli spazi incontaminati. Una delle caratteristiche più affascinanti di questo luogo è che in un raggio di poche centinaia di metri passiamo dalla faggeta al bosco di cerro, a quello di castagno, alle multiforme geometrie dei filari di noccioli, ai prati naturali, alla diversificata vegetazione che copre la rive del lago.

Credit immagine

Questo rapido susseguirsi di diversi ambienti offre uno spettacolo che cambia con il passare delle stagioni, ogni volta con colori e tonalità diverse.

e la Fauna che popolano il Lago di Vico

Un territorio così ricco di diverse specie vegetali e di ambienti diversi fra loro consente lo sviluppo della vita a molte specie animali. Infatti, la fauna è caratterizzata da una ricca biodiversità. Comprende numerose specie di pesci come il luccio, la tinca e il persico reale. Numerosi gli anfibi come la raganella, la rana verde, il rospo smeraldino e quello comune; e i rettili. Qui vivono anche piccoli e grandi mammiferi tra cui la volpe, il tasso,il cinghiale, la nutria, la marmotta, la puzzola e sempre più raro il gatto selvatico.

I visitatori sono molto attratti dall’avifauna molto diversificata grazie al susseguirsi di ambienti naturali molto diversi tra loro. Numerosi sono i rapaci notturni che vivono nei boschi come i barbagianni, il gufo, la civetta, l’allocco e l’assiolo. Tra i rapaci diurni ci sono invece il falco lanario, lo sparviero, il nibbio, il falco di palude e il falco pellegrino. Nel fitto dei boschi vivono anche picchi, fringuelli, cinciarelle, upupe e ghiandaie. Sulle sponde del lago ci sono soprattutto uccelli acquatici tra cui lo Svasso Maggiore, che da sempre è il simbolo della Riserva Naturale del Lago di Vico.

Credit immagine

Credit immagine di copertina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.