Piazza del Duomo a San Gimignano

Piazza del Duomo è il cuore di San Gimignano, fulcro della vita religiosa e politica della cittadina. Si trova, con la Piazza della Cisterna, all’incrocio tra la  via Francigena e l’antica strada che collegava Siena a pisa.

L’aspetto duecentesco di Piazza del Duomo

Piazza del Duomo a San Gimignano è a forma trapezoidale in mattoni. Il suo aspetto attuale si configurò nel Duecento, durante il periodo d’oro dell’economia e dell’importanza politica del borgo. In questo periodo vennero costruiti i principali edifici pubblici e la facciata del Duomo fu ruotata fino a trovarsi di fronte al Palazzo Vecchio del Potestà.

In questa piazza si trovano gli edifici più importanti della città: sul lato Nord spiccano, slanciate verso il cielo, le Torri Gemelle dei Salvucci, sul lato opposto il Palazzo Nuovo del Potestà con la loggia del Comune e accanto la massiccia Torre Grossa e la Torre Chigi.

La Piazza deve il  nome alla Collegiata, detta anche Duomo, che la domina dall’alto di una scalinata. Edificato nell’XI secolo è uno degli edifici in stile romanico meglio conservati in Toscana. Scendendo dalla scalinata della Collegiata sulla sinistra si trova Piazza delle Erbe. Da Piazza Duomo, percorrendo una stradina che si trova tra il Duomo di San Gimignano e il Palazzo Comunale si arriva a Piazza Pecori. Davanti al Duomo si trova il palazzo dei Salvucci antica famiglia ghibellina, acerrimi nemici dei Guelfi Ardinghelli, che avevano le case nella Piazza della Cisterna. Le due Torri Gemelle dei Salvucci, che svettano in Piazza del Duomo, non essendo identiche avevano diffuso una leggenda. Si pensava infatti, che i Salvucci, volendo in qualche modo contravvenire allo statuto comunale del 1255, che impediva di costruire torri più alte di quella del Podestà, ne facessero erigere due, appositamente progettate in modo che la parte alta della prima corrispondesse alla base della seconda, cosicché, sovrapponendole idealmente, superassero di molto la torre comunale. In questo modo dimostrarono la loro potenza e la loro supremazia.

Cosa vedere in Piazza del Duomo

Il Duomo di San Gimignano

Il Duomo di San Gimignano, dedicato alla santa Maria Assunta, o Collegiata domina l’omonima piazza dall’alto di una scalinata. Costruito nel 1100 è uno degli esempi dell’architettura romanica in Toscana. Al suo interno sono conservati alcuni dei bellissimi affreschi dei maggiori artisti toscani dell’epoca. Tra questi degni di particolare attenzione sono il San Sebastiano di Benozzo Gozzoli e le Storie di Santa Fina del Ghirlandaio nella cappella dedicata alla Santa patrona della città; il Vecchio e Nuovo Testamento di Bartolo di Fredi e il Giudizio Universale di Taddeo di Bartolo. Notevole la scultura dell’ Annunciazione lignea di Jacopo della Quercia.

Credit immagine

Il Palazzo Vecchio del Podestà

Il Palazzo vecchio del podestà con la Torre Rognosa si trova in Piazza del Duomo a San Gimignano difronte  alla Collegiata.  Il Vecchio Palazzo del Podestà fu edificato nel XII secolo. Successivamente venne ristrutturato nel 1200 e ampliato nel corso del 1300 quando il podestà traslocò nel Palazzo Nuovo del Podestà dall’altra parte della Piazza del Duomo. Nel 1537 vi fu ricavato all’interno un teatro, che venne rifatto nel 1794 ed restaurato sul finire del XX secolo.

La facciata del Palazzo Vecchio del Podestà è rivestita in pietra nella parte bassa e in laterizio nella parte superiore. La facciata si apre in un grande arco ed è coronata da merli di tipo guelfo con una decorazione alla base composta da mattoni disposti diagonalmente.  A fianco dell’arco si apre  il portone vero e proprio del palazzo, con la ghiera composta da due archi a sesto acuto secondo lo stile senese. Al piano superiore si aprono tre monofore. All’interno dell’androne si trova la Madonna con Bambino dipinta dal Sodoma.

Credit immagine

A fianco del Palazzo Vecchio del Podestà si trova la Torre Rognosa perché dopo il trasloco del podestà fu adibita a carcere. E’ alta oltre 50 metri ed è seconda solo alla Torre Grossa.  E’ detta anche Torre dell’Orologio perché all’ultimo piano si trova la cella campanaria che serviva a richiamare la cittadinanza in caso di pericoli e per scandire le ore.

Il Palazzo Comunale di San Gimignano

Il Palazzo Comunale è detto anche Palazzo Nuovo del Podestà perché qui il podestà vi si trasferì nel corso del Trecento. Esso si trova a sinistra del Duomo ed è affiancato dalla Loggia del Comune e dalla Torre Grossa. Questo edificio, chiamato anche Palazzo del Popolo, secondo la tradizione fu costruito dall’architetto fiorentino Arnolfo di Cambio nel 1288.

La facciata con finestre ad archi ribassati è rivestita da pietre squadrate nella parte inferiore, mentre la parte superiore è ricoperta in laterizio. In basso a destra si trova il caratteristico Arrengo. Un balcone da cui si accede attraverso delle scalinate, dal quale il podestà era solito parlare alla popolazione.

Cosa vedere nel Palazzo Comunale

Dal 1852 il Palazzo Comunale ospita il Museo Civico che si trova agli ultimi piani e la Pinacoteca al secondo.

Credit immagine

Essi racchiudono opere importantissime di artisti fiorentini e senesi del Medioevo come Benozzo Gozzoli, Filippino Lippi, Pinturicchio, Vincenzo Tamagni e il Sodoma. Qui si trovano anche la Sala di Dante in onore del grande poeta del 1300 che soggiornò a San Gimignano. Dove in veste di ambasciatore della Repubblica Fiorentina perorò la causa di una lega guelfa davanti al podestà e al consiglio generale. La sala è decorata con scene di caccia, tornei e figure allegoriche. E’ celebre soprattutto per la grandiosa Maestà, un dipinto realizzato da Lippo Memmi. Esso rappresenta la Madonna seduta su un trono, circondata da angeli e santi, e ai suoi piedi si riconosce il Podestà in adorazione. Accanto alla Sala Dante si trova la Sala delle Adunanze Segrete usata dal governo cittadino con gli antichi sedili lignei intagliati e intarsiati e la Camera del Podestà.

Alla destra del palazzo si innalza l’imponente Torre Grossa, alta quasi 54 metri, la più alta di San Gimignano. Risale al XIV secolo, merita di essere visitata per godere lo spettacolo dall’alto di tutta San Gimignano e del panorama collinare circostante.

La Loggia del Comune

La Loggia del Comune si trova a San Gimignano nella Piazza del Duomo di fianco al Palazzo Nuovo del Podestà.

Venne costruita nel 1338. La Loggia ha tre arcate a tutto sesto sotto le quali i politici della cittadina si riunivano durante le cerimonie pubbliche che avvenivano in Piazza del Duomo. Sotto le arcate si trova affrescata sulla parete destra un Madonna col Bambino e i santi Michele Arcangelo e Giovanni Battista, opera trecentesca di scuola senese.

La Torre Chigi si trova vicino alla Loggia del Comune. Non è molto alta ma è una delle più belle di San Gimignano.

 

Credit immagine di copertina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.